Pubblicato da: mathetios | 1 settembre 2008

prima o poi…


e alla fine, dopo tanto è arrivato il momento.
La stazione di paese. Del tuo piccolo, bistrattato ma in fondo adorato paese.
Rimpianti, forse. il viandante è li che aspetta che il treno riparta, e chi se ne fotte se un tempo abitavo qui, non è più cosi, è smesso di esserlo quando questo paese mi ha chiuso le porte in faccia, tradendo ciò che avevo donato, ciò che avevo dato.Ed è li che pensa " ma si che mi frega, non me ne ricordo neanche più". Ma sa che non è cosi, non è mai stato cosi, non sarà mai cosi. E ricorda alla perfezione tutti i momenti brutti, ma anche quelli belli. E ricorda la voglia di andare, e la disperazione nel farlo. E ricorda la bellezza nel viaggio, e la tristezza della solitudine. Perchè ora sa, il viandante in nero, che non è solo. Perchè ora sa, che non può, o forse non vuole restarlo. E perchè sa, che di amici accanto gliene sono rimasti sempre. Lui ama fare lo scorbutico, ama giocare sul fatto che da solo ce la fa. Papà orso, lo chiamava scherzosamente qualcuno, perchè oltre che scorbutico ha una grossa stazza,il viandante. Ma a lui l’orso non basta più, e deve ormai rendersi conto che è solo una maschera per i momenti "no". Perchè c’è qualcuna,lontana, che ama parlare da sorella maggiore, sempre pronta ad ascoltare senza giudicare. Perchè c’è qualcuna, che conosci da una vita, di cui porti ancora i segni sugli stinchi. Perchè c’è qualcuno a cui piace scherzare su tutto, ed anche se ha solo una amica e il resto sono solo compagni, non ha mai sgarrato con te, e anche se non vuoi dirglielo di lui ti fidi ciecamente.Ma soprattuto perchè c’è un vichingo, che con tutta la ciurma che si tira dietro, la sua seconda, il signore della guerra, il rimmato e l’amante della pizza, aspetta solo di poterti prendere a bordo. Ognuno a suo modo, ti dà tanto. Ognuno a suo modo ti ruba tanto. Ma senza impazziresti.Sono la tua luce, viandante, il tuo faro nei momenti più bui.
Fischia il treno, devi cambiare fermata, perchè non è più tempo di questo.Sai che la rabbia non è scappata, è ancora li.
E chi viaggia con te vede bene l’amarezza sul tuo volto, e vede bene le lacrime.Quasi vorrebbe sapere cosa ti è successo di cosi terribile in quel luogo.
Ma si sbagliano, stavolta le lacrime, sono di felicità.
Grazie, solo questo meritano loro…
E grazie anche a te, che mi hai dato il pretesto per capirlo, insieme a tutto il resto.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: