Pubblicato da: mathetios | 20 maggio 2009

Icaro e le stelle


A volte nella frenesia della giornata finisci per dimenticarti di quello che sei, di quello che vuoi.
A jack capitava spesso. Voleva che succedesse. Perchè cosi si dimenticava della sua timidezza.
e del non riuscire mai a parlare con il cuore in mano con lei.
Sempre occupato, si giustificava con la scusa del momento giusto.
Ma poi accadde.
Un giorno , ma meglio, una notte alzo gli occhi lassù.
e , come un infante, cominciò a contare le stelle.
e le "lentiggini di Dio" erano li a ricambire, fino al suono di quella risata.
cristallina, dolce…. pura.
Per un momento Jack fu certo che fossero le costellazioni stesse a ridere di lui.
Ma poi capì che era lei, che il tempo era giusto, il posto era giusto, e si voltò.
Mai come allora si era sentito un nulla, e preferi non fare la fine di Icaro, e volare lontano.

Queste serate, sono utili, sono belle, e sono mie… mi ridanno la voglia di scrivere.
Grazie a tutti voi….

Annunci

Responses

  1. Jack, spacca. Rompi il vetro.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: